fondo9


Sconto promozionale fino al 20% su una selezione di libri (termina il 31 dicembre)


Valorizzazione delle risorse turistico-ricettive e museali-formative dei regi tratturi di Molise, Sannio e Abruzzo in località Colle Alto di Rionero Sannitico

Mostra dei progetti

Emma Buondonno
Luigi Battiloro, Vincenzo D’Andrea (a cura di)
Rossella Russo (con il contributo di)
20,00 €
16,00 €
Sconto4,00 €

alt collana Ricerche e Progetti di Architettura e di Urbanistica
alt 21 cm x 29,7 cm
alt brossura
alt 84 pagine
alt 73 immagini a colori e 47 in b/n
alt 2012-10
alt ISBN 978-88-89972-32-8
alt opera in libero accesso

Il testo raccoglie gli studi svolti nell’ambito del Corso di Laboratorio di Composizione Architettonica e Urbana 3 del Corso di Laurea in Scienze dell’Architettura dell’Università degli Studi di Napoli Federico II con la Società Colle Alto s.r.l. per il Comune di Rionero Sannitico in provincia di Isernia. Tali studi sono finalizzati alla riqualificazione del territorio attraverso una nuova Centralità Urbana. L’insediamento urbano di progetto è ubicato in prossimità dello svincolo della nuova superstrada di collegamento tra Isernia e la Strada Statale n. 652 Caianello-Pescara. La connessione viaria ultimata costituisce un ulteriore rafforzamento della direttrice Tirreno-Adriatico. L’unità urbana di progetto a servizi integrati ed autosufficienza energetica proposta per Colle Alto scaturisce dalla valutazione della sostenibilità ambientale all’impatto antropico dei territori della provincia d’Isernia e del Molise. L’obiettivo prioritario è il riequilibrio dell’armatura urbana dell’area a confine con l’Abruzzo per promuovere la valorizzazione dei territori interni della regione Molise. Il progetto sperimentale dell’unità urbana di Colle Alto è all’interno della strategia complessiva di rafforzamento della direttrice adriatica. L’unità urbana è fondata sulla valorizzazione culturale, turistica ed economica del territorio di Rionero Sannitico con lo scopo di realizzare una centralità urbana di forte attrazione. L’integrazione tra l’investimento privato e l’utilità pubblica per lo sviluppo economico, sociale e produttivo dell’area deve perseguire il risultato di attrarre nuova residenzialità non solo turistica e stagionale ma permanente.

Questo sito utilizza cookies tecnici, cookies analytics e cookies di terze parti (altri siti e piattaforme web) per il monitoraggio delle visite al sito, la condivisione dei contenuti sui social network, la compilazione automatica di moduli e/o la visualizzazione di contenuti multimediali. Continuando a navigare acconsenti a usare eventuali cookie presenti in siti esterni a cui sono attivi dei collegamenti che, comunque, sono attivati volontariamente.